Ricevi nella Tua mail la notifica della pubblicazione di un nuovo video. Inserisci il tuo indirizzo email quì:    “?


Per Segnalare un EVENTO Scrivi a:

 

“LU PICURIEDDU TI SABBUTU SANTU” su TeleRama


Nel programma “TERRE del SALENTO” andato in onda sull’emittente televisiva TELERAMA il 15 Aprile 2011, è stato dedicato un servizio suL’AGNELLINO DELL’AMORE NELLA CULTURA POPOLARE ORITANA”.
Con l'approssimarsi della Pasqua, il Donare ovvero procurarsi un agnellino in pasta di mandorla è strettamente connesso alla simbologia a cui esso rimanda: sacrificare l'agnello giovane, privare della vita un animale “innocente”, si è rivestito nel mondo cristiano di significati particolari: l'agnello è considerato espressione di “candore” e quindi di innocenza.
Quando poi il dono avviene tra fidanzati, oltre all'accoglimento simbolico, il gesto si riveste di specifici significati che nella cultura popolare Oritana assurge ad un autentico rituale al fine di avere la prova provata del reciproco assenso delle famiglie al Fidanzamento Ufficiale ed alla promessa di Nozze.
Di quanto radicata sia in Oria la consuetudine di far pervenire da parte della fidanzata alla famiglia del futuro sposo l'agnellino in pasta di mandorla la si riscontra nell'antichissima testimonianza innanzi riportata, rispolverata dal Prof. Pino Malva.
Restituire il giorno di Pasqua alla famiglia della fidanzata unicamente la testolina del dono precedentemente ricevuto, corrisponderà al consenso pieno al matrimonio.
In funzione di ciò, l'antica Pasticceria Carone, nel centro Storico di ORIA, modella artigianalmente in pasta di mandorla anche la testa dell'agnellino, realizzando il tutto completamente a mano, rendendo così unico ogni soggetto.
Nel video servizio trasmesso, anche una scenetta realizzata con la collaborazione di alcuni cittadini Oritani che ne racconta la tradizione, ed infine alcune fasi della realizzazione dell’antica ricetta del dolce, gelosamente custodita dagli attuali proprietari dell’antico BAR CARONE (chiamato anche in dialetto oritano "“lu bar ti li Caruni”, nato nel 1938 ad opera dei fratelli  Antimicchio, Elenuccia e ‘Nzina Carone), il Sig. GIOVANNI GRASSI (figlio di Elenuccia Carone-VEDI BIOGRAFIA) e sua figlia ELENA . Di seguito la Poesia de “LU PICURIEDDU TI SABBUTU SANTU”.


Poesia   “LU PICURIEDDU TI SABBUTU SANTU”

In dialetto Oritano: Traduzione in Italiano:

Sabbutu santu a mezzatìa tutti li uemmini si ritirunu ti fori cu vannu all'ucciaria, ca ci ddimmurunu nu paru t'orisi trovunu alli scuttatori.
Mo, pigghiamu ti li femmini ntappati ca vannu cu li mantili nanzi ppuntati; ci li dimmanni ddo nn'a sciri risponnunu:
“Mannagghia l'anima ti li fili!”.

Mo pigghiamu ti li ggiuvini ziti ca si a ffannu barba e capiddi e si nnessunu comu angiuliddi; a casa, mancu na furcinata e fuci fuci ddò la nnammurata.
Quannu arrìunu cretu alla porta l'attani sta ssittatu allu pisulu; comu ciucci si fermunu ti botta e fannu lu rrichiamu allu pizzulu.
L'attani fuma la pippa a cannuccia e dici: “Figghia va cuverna quedda ciuccia!”
“Ueh tà, va pigghiatala an culu, so tre ore ca sta spetta allu pizzulu!”

Lu meurlu, dafffori, fisca; la meurla, 'ntra la stadda, miurlescia. “Uh!. - rusci l'attani – stasera tu vue pruevi la curescia!”
“Uè ma, la ciuccia stai cuvirnata; penza tuni, moni, a cuvirnà lu tata! Lu pizzulu sta manteni l’angilieddu, sta spetta cu li tou lu picurieddu!”
“Ntò! Vani a cuddu santu putichinu, ca non c'è mancu nu luminu!”.
“Vulia anzi na carcagnata, ca cu mi spostu ti 'na pitata!”

Vinti passi no l'era fatti e li ziti fora soddisfatti;
A 'navutata ti uecchi l'hannu futtutu e lu picurieddu era partutu!

“Nto! Torna ti lu putichinu, c'agghiu truvatu lu luminu!”
“Sapi ca cazz'an culu m'annu scaffatu!

Ma ci campu n'atr'annu ziccu ti lunitia santo e no do' mancu nu scancu!”.

Sabato santo a mezzogiorno tutti gli uomini tornano dalla campagna per andare alla macelleria, perchè se tardano un paio d'ore trovano solo i rimasugli.

Parliamo adesso delle massaie indaffarate che girano con grembiule appuntato; se chiedi dove stanno andando, rispondono: “Cosa no si farebbe per i figli!”.
Parliamo ora dei giovanotti che si radono barba, si pettinano ed escono (dal barbiere) belli come angeli; a casa, mangiano appena una forchettata per correre dall'innamorata.

Quando arrivano vicino alla casa dell'amata, vedono il padre seduto sul sedile, come gli asini si fermano di botto e fischiano, fermi all'angolo della strada.

Il padre, fumando la pipia a cannuccia dice:”Figlia vai a dar da mangiare all'asina!”. “Oh, padre, vai a fare a quel paese..., son tre ore che (egli) aspetta all'angolo!”
Il merlo, fuori, zirla; la merla, nella stalla, risponde al richiamo. “Uh.. - borbotta il padre – stasera vuoi provare la mia cintura di cuoio”
“Madre, l'asina è sistemata, pensa tu, ora a sistemar mio padre!. Il mio angelo sta sostenendo l'angolo, in attesa del mio agnellino!”
“Antonio, vai da quel santo tabaccaio che non abbiamo più fiammiferi!”.
“Preferirei anzi una pedata che spostarmi da quì e fare un passo!”.

Non aveva ancora fatto venti passi, che i giovani furono soddisfatti; in un attimo essi l'hanno gabbato e l'agnellino è stato consegnato.
“Antonio, torna che ho trovato i fiammiferi!”.
“Chissà che danno mi hanno fatto!.


Ma, se vivrò un altro anno, non faccio un passo dal lunedì santo fino a Pasqua!”.

0 commenti:

 

Ultimi 10 Video

Video più visti

ultimi commenti


© ORIAinVIDEO 2008-2011 - Tutti i diritti Riservati | Richiede Adobe Flash Player  [DOWNLOAD] | Browser Compatibili: IE7+: FF3+: Safari3+: Chrome3+: Opera9+ |